L’igiene prima di tutto: disinfettanti per erba sintetica

L'erba sintetica è costituita da pannelli in materiale plastico, resistente ai raggi solari, muniti di folti ciuffi che simulano i fili d'erba; questo tipo di allestimento, perfetto per il giardino e il terrazzo, garantisce un perfetto aspetto estetico e funzionale, evitando la necessità di praticare la manutenzione periodica. Il classico tappeto erboso naturale infatti ha bisogno di essere annaffiato, a volte anche ogni giorno, e di essere tagliato ogni volta che i ciuffi crescono eccessivamente. Inoltre si devono praticare altri tipi di trattamento, come la semina periodica, la fornitura di fertilizzante, l'arieggiatura dell'intero tappeto; tutte queste azioni comportano un'ingente spesa, di denaro e di tempo, tutto per ottenere un prato bello e rigoglioso.

 

L'erba sintetica permette di evitare tutte queste operazioni: i ciuffi non crescono e i fili d'erba non seccano e non si scolorano. Non serve annaffiare e neppure fornire del fertilizzante: il prato sarà sempre bello come il giorno in cui è stato posato. L'utilizzo quotidiano comunque porta ad alcune problematiche, cui conviene porre rimedio rapidamente, per fare in modo che il prato sia sempre decorativo e piacevole da vedere e da utilizzare.

 

La manutenzione del tappeto di erba sintetica in genere si limita a poche operazioni, da effettuare anche solo una o due volte all'anno. La principale delle opere di manutenzione del prato sintetico è la pulizia, che permette di igienizzare i ciuffi. Per pulire il prato si usano appositi detergenti, disponibili anche nella versione che emana un buon profumo di fieno che asciuga al sole, per dare un effetto ancora più realistico all'erba sintetica. Questi prodotti si utilizzano spruzzandoli sul prato, nelle zone dove è più necessario, come ad esempio dove sono caduti avanzi di cibo, o dove cani e gatti hanno deciso di lasciare i loro “ricordini”. Questo tipo di pulizia permette di utilizzare regolarmente il prato, senza temere che vi si annidino batteri o altri organismi dannosi per la salute.

 

In genere la pulizia con igienizzante si pratica esclusivamente nelle zone in cui si accumula un certo tipo di sporco; nella maggior parte dei casi infatti basta lavare il tappeto con acqua, per ottenere un prato perfettamente pulito.

La particolare conformazione dei tappeti di erba sintetica permette di lavarle i ciuffi con la classica canna dell'acqua da giardino: il liquido in eccesso penetra nel terreno e scorre via, lasciando il prato pulito e asciutto.

Un altro tipo di manutenzione che va effettuata periodicamente riguarda la rimozione di foglie e di altri residui solidi; in genere basta utilizzare una classica scopa da giardino, o un rastrello a per le foglie, senza temere che il tappeto sottostante si rovini.

 

Negli ultimi anni si producono sempre più spesso tappeti erbosi autoportanti, che non necessitano di essere intasati con la sabbia per mantenere un aspetto fitto e folto; questi prati spesso tendono a schiacciarsi leggermente nelle zone soggette a maggiore utilizzo. Per raddrizzare i ciuffi d'erba è sufficiente spazzolarli con apposite attrezzature, che vanno passate contropelo, in modo da stimolare il corretto posizionamento dell'erba. Questo tipo di intervento si pratica poche volte all'anno, anche se molto dipende dall'utilizzo che si intende fare dell'area rivestita con l'erba sintetica, che resta un valido elemento di arredamento a costi contenuti. Scopri qui il mondo dei prati artificiali.  

 

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close